Investimento

Il mondo degli investimenti è cambiato molto negli ultimi anni con l’avvento di internet. Prima, ad esempio, per acquisire delle azioni occorreva recarsi in banca o comunque in un istituto di credito al fine di aggiudicarsene con una spesa spesso importante; ora è sufficiente affidarsi a un broker certificato e si può fare trading online entrando nelle Borse di tutto il mondo senza muoversi dal PC di casa o dell’ufficio, usando anche solo i derivati di un’azione. L’importante è ricordare sempre che il trading online non è un’attività semplice e occorre affidarsi alle piattaforme autorizzate secondo le normative di legge, documentandosi e formandosi in modo adeguato. A questo proposito è possibile visitare portali specializzati come, ad esempio, Borsa Mercato, che offre consigli e suggerimenti utili sia agli aspiranti trader sia ai professionisti del settore che vogliono rimanere sempre aggiornati sull’evoluzione dei mercati.Continua a leggere

Investimento

Una delle modalità di investimento più interessanti degli ultimi anni è sicuramente il trading automatico, ovvero quella che prevede la possibilità di lasciare che sia un software, basato su complessi algoritmi, a gestire autonomamente un insieme di operazioni. Attualmente questa tipologia di investimenti viene scelta da molti investitori istituzionali e grandi fondi del settore. Di conseguenza molte persone si chiedono se possa essere una buona idea prendere in considerazione questa modalità di gestione del trading online.

In questo settore c’è ancora molta confusione ed è importante porre dei punti fermi, utili per chi desidera prendere in considerazione questa alternativa. Il costo di questa modalità di investimento è variabile e dipende dal sistema di gestione, ovvero dal software, scelto. Si tratta di una maniera di investire che può funzionare e dare dei buoni frutti, purché venga scelto un sistema automatico e di buona qualità. E’ inoltre molto importante anche effettuare dei buoni controlli in modo da evitare le truffe.Continua a leggere

codice utente

Nel momento in cui si acquisisce uno strumento finanziario come una carta prepagata, ci sono innumerevoli dettagli di cui tener conto affinché la sua operatività sia sempre puntuale ed efficace. In questo modo, si eviteranno quelle situazioni di stallo in cui non si sa bene come muoversi, sia in un modo che nell’altro. Sul fronte della propria carta prepagata, è presente ad esempio un codice utente, ossia una stringa numerica caratterizzata da un numero di elementi  – che variano tra i tredici e i sedici – e che certifica la proprietà e l’unicità in tal senso fissando determinati parametri a seconda di come lo si suddivide. Pertanto, occorre approfondire la questione per non lasciare alcun dettaglio al caso.Continua a leggere

pec

In virtù del Decreto del Presidente della Repubblica dell’11 febbraio 2005 n. 68, è stato introdotto il “Regolamento recante disposizioni per l’utilizzo della posta elettronica certificata, a norma dell’articolo 27 della legge 16 gennaio 2003, n. 3”. La medesima, chiamata con l’acronimo PEC, a dispetto della posta ordinaria, ha valore legale grazie alla ricevuta di accettazione e di avvenuta consegna, permettendo, altresì, la sua opponibilità a terzi.

Inoltre, assicura al cliente la certezza del contenuto, in quanto né il messaggio né gli allegati possono essere modificati. La posta elettronica certificata deve essere fornita da gestori autorizzati dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) affinché sia valida agli effetti di legge.Continua a leggere

legge

Tra tutti i linguaggi professionali quello forense o giuridico è, senza ombra di dubbio, il più complesso da comprendere. Non è un caso, dunque, che la maggior parte delle persone ignorino l’esistenza di procedure e leggi volte a semplificare alcuni aspetti della vita quotidiana. Un esempio valido è rappresentato dalla Decreto Legge 12 settembre 2014, diventato la legge 162/2014. In quanti conoscono il suo campo di applicazione e, soprattutto il contenuto? Sicuramente in pochi tra cui, si spera, rappresentino la maggioranza i professionisti della giurisprudenza. Per tutti gli altri proviamo a fare chiarezza sulla legge 162/2014 il cui scopo, come vedremo, è quello di semplificare i procedimenti giuridici. Ma andiamo con ordine. Continua a leggere

criptovalute

Le criptovalute rappresentano una delle asset class più giovani fra quelle attualmente disponibili sui mercati finanziari. Molto spesso però si tende a sottovalutare le potenzialità di questo settore -soprattutto chi non ha mai avuto contatti pregressi-, poiché si considera la valuta virtuale come un’entità astratta priva di qualsivoglia connessione con un bene o attività tangibile. In realtà la maggior parte dei token sono collegati a progetti che hanno l’obiettivo di soddisfare delle esigenze della vita reale; di conseguenza tecnologie con buone probabilità di applicazione nella quotidianità rendono appetibile in primis quanto sviluppato dai programmatori ed in seconda battuta la criptovaluta per gli investitori.Continua a leggere

benessere

In tutta Italia sono ormai presenti circa 500 punti vendita della famosa azienda spagnola NaturHouse. Lo straordinario successo ottenuto nel giro di pochissimo tempo ha infatti portato il brand a espandersi e a uscire dalla Spagna, dove è stato fondato nel 1992. Lo scopo di B2B NaturHouse è molto semplice: educare a una alimentazione sana anche tramite l’utilizzo di complementi alimentari di origine naturale appositamente studiati. Per usufruire di alcune funzionalità e tenere traccia dei propri progressi è però necessario registrare il proprio account sul sito di NaturHouse. Come fare? Ecco una breve guida passo passo!Continua a leggere

investire

Per chi desidera iniziare ad investire in critpovalute la scelta della piattaforma rappresenta un fattore fondamentale che può influire su tantissimi aspetti. Per prima cosa è importante ricordare che la sicurezza delle transazioni dipende proprio dalla scelta di una piattaforma certificata che possa essere considerata affidabile. Tutte le piattaforme più celebri e blasonate del settore possono infatti essere ormai equiparate ad una banca, per quanto riguarda la sicurezza garantita ai propri clienti.Continua a leggere

lavoro

Secondo il CCNL (il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro), per regolare il rapporto lavorativo con i badanti occorre innanzitutto inserirli nella categoria corretta a livello contrattuale: il più semplice è il BS, che non richiede formazione specifica e può essere corrispondente alla figura di un semplice accompagnatore; seguono il CS e il più elevato, il DS, nel quale sono inseriti veri e propri infermieri. Questa categoria di lavoratori viene regolamentata in modo da poter essere tutelata in diverse situazioni. Ne è un esempio la disoccupazione per i badanti, un indennizzo che è possibile richiedere in caso di perdita del lavoro. In questo caso si parla anche di NASPI, ovvero indennità per disoccupati involontari Inps.Continua a leggere

trading

EToro è una piattaforma di trading online fondata nel 2007 a Tel Aviv che, nel giro di poco più di dieci anni, è diventata uno dei più importanti broker di tutto il mondo. Da questo punto di vista i numeri parlano chiaro: nel 2018 la società veniva valutata circa 800 milioni di dollari, mentre nel 2021 faceva il suo ingresso ufficiale a Wall street con una valutazione semplicemente impressionante, corrispondente a quasi 10 miliardi e mezzo di dollari.Continua a leggere