faro assciurazioni

Il mondo delle assicurazioni è affascinante ed indispensabile, ma è anche crudele ed in continua evoluzione. La concorrenza è tanta e gli attori protagonisti di questo settore possono mutare, tra fusioni, acquisizioni, chiusure e così via. Da un po’ di tempo non si sente più paralre della compagnia Faro Assicurazioni: vediamo cos’è successo, quali servizi offre, qual è il suo sito web, quali sono i suoi contatti ed altre informazioni utili.

Continua a leggere

numero verde inps

L’INPS rappresenta per milioni di italiani un punto di riferimento per tantissimi servizi: proprio per questo motivo è importante sapere come mettersi in contatto con l’istituto previdenziale. Esistono diversi canali che permettono di parlare (o scirvere) con il personale dell’ente, ma molti cittadini si chiedono se esiste un numero verde INPS. Scopriamo dove trovarlo ed in quali giorni ed in quali fasce orarie è attivo.

Continua a leggere

conte it assicurazioni

Il Gruppo Admiral è una delle realtà più importanti a livello internazionale, con più di cinque milioni di clienti nel mondo: in Italia il gruppo è rappresentato da ConTe.it Assicurazioni, compagnia specializzata nelle polizze auto e moto. Vediamo come funziona ConTe, come ottenere un preventivo online e quali sono le opinioni dei consumatori.

Continua a leggere

730 precompilato

Ormai da un po’ di tempo è stato introdotto il 730 precompilato: l’idea era quella di semplificare la vita dei contribuenti, ma non è affatto difficile perdersi nelle procedure telematiche, soprattutto per chi non ha molta dimestichezza con il web ed i computer. Vediamo come fare l’accesso per scaricare, controllare, completare ed eventualmente correggere il modello 730 precompilato.

Come accedere al 730 precompilato

Con il passare del tempo la precompilazione del modello 730 è diventata sempre più accurata; quest’anno, ad esempio, tra le spese mediche già inserite dal sistema ci sono anche quelle sostenute per prestazioni presso fisioterapisti, dietisti, igienisti dentali e altro ancora. La prima cosa da chiarire però riguarda l’accesso: come fanno i contribuenti a visionare la loro dichiarazione dei redditi online?

È fondamentale essere in possesso di almeno una di queste credenziali: PIN di Fisconline, identità SPID, Carta Nazionale dei Servizi, credenziali dispositive rilasciate dall’INPS, dalla Guardia di Finanza o da altri soggetti abilitati dall’Agenzia delle Entrate.

Grazie a queste credenziali, a partire da una data indicata dall’Agenzia delle Entrate (nel 2020 era il 5 maggio), è possibile accedere all’area riservata del portale dell’Agenzia stessa. Una volta fatto l’accesso sarà possibile visionare il modello e controllare i dati già caricati.

Tra questi ci saranno i redditi percepiti (i cui dati vengono ricavati dalle Certificazioni Uniche trasmesse all’Agenzia dai datori di lavoro o dagli enti pensionistici) e le spese da portare in detrazione. Il contribuente ha la possibilità di apportare delle modifiche: può farlo, ad esempio, se tra i dati inseriti nel 730 precompilato mancano delle spese sostenute o se gli importi indicati non corrispondono con quelli reali.

Come modificare o completare la dichiarazione online

Nel periodo tra la data in cui è possibile l’accesso e la scadenza prevista dall’Agenzia delle Entrate (che per il 2020 era il 14 maggio), il contribuente ha la possibilità di:

  • modificare o accettare ed inviare la dichiarazione precompilata;
  • sfruttare il servizio di compilazione assistita per correggere o aggiungere gli oneri deducibili e detraibili;
  • modificare il modello.

Ma è prevista anche la possibilità di annullare il 730 già inviato: si può fare una volta sola ed entro i termini fissati dall’Agenzia (per il 2020 è stato possibile annullare il modello già inviato tra il 25 maggio ed il 22 giugno). La dichiarazione “definitiva” va poi inviata entro un termine preciso (che per il 2020 è il 30 settembre). La data in cui si invia il modello 730 ha effetti sui rimborsi: prima si trasmette la dichiarazione e prima arriveranno i rimborsi.

come diventare broker assicurativo

La figura del broker assicurativo ha assunto un ruolo sempre più importante: si tratta di un lavoro senza dubbio affascinante, ma anche tanto delicato e ricco di sfaccettature. In questo articolo vediamo come diventare broker assicurativo: scopriamo quali sono i requisiti necessari per svolger la professione e i migliori consigli sul percorso formativo da seguire.

Requisiti e conoscenze del broker assicurativo: qual è il percorso di studi migliore?

Il broker assicurativo deve conoscere alla perfezione il mercato, riuscire ad interpretare le necessità dei suoi clienti e proporre le soluzioni più adatte; il tutto muovendosi in completa sicurezza ed autonomia. Servono quindi doti umane e professionali, oltre ad un’ottima conoscenza del settore. Questa figura deve essere in grado di:

  • ascoltare il cliente ed analizzarne i bisogni;
  • valutare i rischi;
  • analizzare il mercato;
  • individuare le compagnie e le proposte più idonee per ciascun caso;
  • gestire i rapporti ed i contratti con le compagnie di assicurazione;
  • offrire assistenza ai suoi clienti, in special modo nel momento della liquidazione dei danni.

Per diventare broker assicurativo è necessario avere dei requisiti morali e professionali (onorabilità, professionalità, autonomia e garanzia)e superare un esame per ottenere l’iscrizione al RUI, il Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi.

Ne parleremo più avanti: prima bisogna capire qual è il percorso di studio più adatto per apprendere tutte le nozioni necessarie per intraprendere questo mestiere. In realtà non c’è una riposta secca: sono molti i corsi che permettono di affrontare i temi relativi al settore assicurativo e finanziario; solitamente si consiglia di seguire un corso di laurea in Economia, Finanza, Giurisprudenza o Scienze Economiche, optando per dei percorsi di studio più mirati possibile. In alternativa, ci sono istituti che erogano corsi appositamente creati per chi vuole fare questo lavoro.

L’esame per l’iscrizione al RUI ed altri adempimenti

Possono svolgere l’attività di broker assicurativo solo i soggetti che sono iscritti al RUI. Le prime due sezioni di questo registro sono dedicate agli agenti ed ai broker. È importante definire la differenza tra queste due figure: l’agente opera in nome e per conto delle compagnie di assicurazioni delle quali sono collaboratori; il broker invece agisce su incarico del cliente e crea rapporti con più compagnie assicurative, rispetto alle quali risulta essere indipendente.

Per iscriversi è necessario superare un esame: per parteciparvi è necessario essere in possesso di un titolo di studio di scuola superiore. La domanda di ammissione deve essere inoltrata telematicamente tramite il sito dell’IVASS, precisando a quale modulo si intende partecipare (assicurativo, riassicurativo o assicurativo e riassicurativo).

La prova è composta da una serie di domande a risposta multipla: sono 50 quesiti per il modulo assicurativo e 20 per quello riassicurativo (quindi 70 per entrambi i moduli) da completare rispettivamente in 75 e 35 minuti. Gli argomenti spaziano dalle nozioni di diritto privato e tributario fino ad argomenti più specifici come il diritto della assicurazioni e la disciplina della tutela del consumatore.

Oltre ad aver superato l’esame, il broker assicurativo deve obbligatoriamente sottoscrivere una polizza professionale con un massimale minimo di 1.250.000 per sinistro e di 1.850.000 euro all’anno ed aderire al Fondo di Garanzia istituito presso la CONSOP

das assicurazioni

Quando si parla di tutela legale viene quasi automatico pensare a DAS Assicuraizoni, una delle realtà più rilevanti a livello internazionale su questo particolare ambito. La compagnia propone ai suoi clienti diverse soluzioni per la tutela legale delle persone, dei professionisti e delle aziende. Vediamo quali servizi offre, dove si trova la sua sede legale e quali sono i contatti e scopriamo cosa ne pensano i consumatori dando un’occhiata alle loro recensioni.

Continua a leggere

poste assicura

Poste Italiane offre ai suoi clienti un’ampia gamma di servizi: tramite Poste Assicura propone anche una vasta linea di prodotti assicurativi a tutela della persona, dei beni, dei finanziamenti e delle imprese. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta: vediamo quali sono le offerte ed i loro costi e scopriamo cosa ne pensa la gente dando un’occhiata alle recensioni degli utenti.

I prodotti di Poste Assicura

Il catalogo dei prodotti offerti da Poste Assicura è diviso in quattro grandi categorie:

  • Vivere protetti; fanno parte di questa categoria le polizze Invalidità permanente, Rimborso spese mediche, Indennizzo forfettario, Indennità giornaliera, Coperture opzionali, Prevenzione, Assistnza alla persona, Morte da infortunio, Postapersona affetti protetti, Postapersona sempre presente, Danni all’abitazione, Furto, Assistenza all’abitazione, Danni a terzi, Assistenza stradale, Animali domestici;
  • Viaggiare protetti; fanno parte di questa categoria le polizze Viaggi in Italia e Viaggi nel mondo;
  • Protezione finanziamenti; fanno parte di questa categoria le polizze Posteprotezione prestito, Posteprotezione mutuo, Posteprotezione prestito flessibile, Posteprotezione mutuo flessibile, Posteprotezione incendio mutui new, Posteprotezione incendio mutui flessibile, Posteprotezione prestito impresa;
  • Multirischi impresa; fanno parte di questa categoria le polizze Posteprotezione albo più (assicurazione professionale) e Postaprotezione piccola impresa.

Sito web e servizi online

Tramite il sito posteassicura.poste.it è possibile accedere ai servizi online di Poste Assicura. Tra questi ci sono l’archivio, dove è possibile trovare tutti i documenti informativi sulle varie polizze disponibili, il servizio Check-up, che permette di conoscere la protezione di cui si ha bisogno, la pagina Sinistri, che riepiloga tute le istruzioni da seguire ed i numeri da chiamare in caso di sinistro, e la pagina Reclami, che spiega il regolamento ed i contatti per muovere un reclamo. Sempre tramite il sito è possibile accedere all’area assicurativa riservata: qui è possibile consultare in qualsiasi momento la posizione assicurativa.

Contatti e recensioni

Per sottoscrivere un prodotto di Poste Assicura è necessario recarsi presso un ufficio postale: non è quindi possibile attivare una polizza online. Gli uffici postali sono più di 11.000 sull’intero territorio italiano: per trovare quello più vicino si può andare sul sito delle Poste ed utilizzare la funzione Cerca.

Per avere assistenza sui servizi di Poste Assicura è possibile chiamare il numero di telefono 800131811 (chiamata gratuita da telefono fisso), attivo dal lunedì al venerdì tra le otto di mattina e le otto di sera ed il sabato dalle 8:00 alle 14:00. Sul web gli utenti non si sbilanciano molto: le recensioni sui prodotti Posta Assicura sono “neutri”: l’ampiezza delle proposte e la capillarità della rete sul territorio sono gli aspetti ritenuti più positivi.

conservatoria dei registri immobiliari

Nel corso degli anni il sistema immobiliare di un territorio può modificarsi, con nuove costruzioni, passaggi di proprietà, accensione i ipoteche e così via; tutti gli atti e le scritture che fanno riferimento ai beni immobiliari di una determinata area vengono conservati presso la Conservatoria dei registri immobiliari. Vediamo di cosa si tratta, dove si trova e che servizi può offrire al pubblico.

Continua a leggere

fondo svalutazione crediti

I crediti che hanno una natura commerciale devono essere esposti in bilancio al loro presunto valore di realizzo; per rispettare questa regola fissata dall’articolo 2426 del Codice Civile, per correggere il valore dei crediti che in contabilità vengono indicati con il loro valore nominale si può ricorrere al fondo svalutazione crediti. I questa pagina verrà spiegato di cosa si tratta, a cosa serve e come si calcola: vederemo anche come si utilizza con un piccolo esempio.

Continua a leggere

prestiti compass per dipendenti a tempo determinato

Quello di Compass è sicuramente uno dei nomi più famosi nell’affollato panorama delle banche e delle società che erogano finanziamenti; tra e sue tante proposte ci sono anche i prestiti Compass per dipendenti a tempo determinato? Spesso chi appartiene questa categoria incontra delle difficoltà a convincere gli istituti di credito a concedergli dei finanziamenti. Scopriamo se con Compass si possono ottenere e quali sono i tassi e le altre condizioni applicate.

Continua a leggere