come diventare broker assicurativo

La figura del broker assicurativo ha assunto un ruolo sempre più importante: si tratta di un lavoro senza dubbio affascinante, ma anche tanto delicato e ricco di sfaccettature. In questo articolo vediamo come diventare broker assicurativo: scopriamo quali sono i requisiti necessari per svolger la professione e i migliori consigli sul percorso formativo da seguire.

Requisiti e conoscenze del broker assicurativo: qual è il percorso di studi migliore?

Il broker assicurativo deve conoscere alla perfezione il mercato, riuscire ad interpretare le necessità dei suoi clienti e proporre le soluzioni più adatte; il tutto muovendosi in completa sicurezza ed autonomia. Servono quindi doti umane e professionali, oltre ad un’ottima conoscenza del settore. Questa figura deve essere in grado di:

  • ascoltare il cliente ed analizzarne i bisogni;
  • valutare i rischi;
  • analizzare il mercato;
  • individuare le compagnie e le proposte più idonee per ciascun caso;
  • gestire i rapporti ed i contratti con le compagnie di assicurazione;
  • offrire assistenza ai suoi clienti, in special modo nel momento della liquidazione dei danni.

Per diventare broker assicurativo è necessario avere dei requisiti morali e professionali (onorabilità, professionalità, autonomia e garanzia)e superare un esame per ottenere l’iscrizione al RUI, il Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi.

Ne parleremo più avanti: prima bisogna capire qual è il percorso di studio più adatto per apprendere tutte le nozioni necessarie per intraprendere questo mestiere. In realtà non c’è una riposta secca: sono molti i corsi che permettono di affrontare i temi relativi al settore assicurativo e finanziario; solitamente si consiglia di seguire un corso di laurea in Economia, Finanza, Giurisprudenza o Scienze Economiche, optando per dei percorsi di studio più mirati possibile. In alternativa, ci sono istituti che erogano corsi appositamente creati per chi vuole fare questo lavoro.

L’esame per l’iscrizione al RUI ed altri adempimenti

Possono svolgere l’attività di broker assicurativo solo i soggetti che sono iscritti al RUI. Le prime due sezioni di questo registro sono dedicate agli agenti ed ai broker. È importante definire la differenza tra queste due figure: l’agente opera in nome e per conto delle compagnie di assicurazioni delle quali sono collaboratori; il broker invece agisce su incarico del cliente e crea rapporti con più compagnie assicurative, rispetto alle quali risulta essere indipendente.

Per iscriversi è necessario superare un esame: per parteciparvi è necessario essere in possesso di un titolo di studio di scuola superiore. La domanda di ammissione deve essere inoltrata telematicamente tramite il sito dell’IVASS, precisando a quale modulo si intende partecipare (assicurativo, riassicurativo o assicurativo e riassicurativo).

La prova è composta da una serie di domande a risposta multipla: sono 50 quesiti per il modulo assicurativo e 20 per quello riassicurativo (quindi 70 per entrambi i moduli) da completare rispettivamente in 75 e 35 minuti. Gli argomenti spaziano dalle nozioni di diritto privato e tributario fino ad argomenti più specifici come il diritto della assicurazioni e la disciplina della tutela del consumatore.

Oltre ad aver superato l’esame, il broker assicurativo deve obbligatoriamente sottoscrivere una polizza professionale con un massimale minimo di 1.250.000 per sinistro e di 1.850.000 euro all’anno ed aderire al Fondo di Garanzia istituito presso la CONSOP

das assicurazioni

Quando si parla di tutela legale viene quasi automatico pensare a DAS Assicuraizoni, una delle realtà più rilevanti a livello internazionale su questo particolare ambito. La compagnia propone ai suoi clienti diverse soluzioni per la tutela legale delle persone, dei professionisti e delle aziende. Vediamo quali servizi offre, dove si trova la sua sede legale e quali sono i contatti e scopriamo cosa ne pensano i consumatori dando un’occhiata alle loro recensioni.

Continua a leggere

poste assicura

Poste Italiane offre ai suoi clienti un’ampia gamma di servizi: tramite Poste Assicura propone anche una vasta linea di prodotti assicurativi a tutela della persona, dei beni, dei finanziamenti e delle imprese. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta: vediamo quali sono le offerte ed i loro costi e scopriamo cosa ne pensa la gente dando un’occhiata alle recensioni degli utenti.

I prodotti di Poste Assicura

Il catalogo dei prodotti offerti da Poste Assicura è diviso in quattro grandi categorie:

  • Vivere protetti; fanno parte di questa categoria le polizze Invalidità permanente, Rimborso spese mediche, Indennizzo forfettario, Indennità giornaliera, Coperture opzionali, Prevenzione, Assistnza alla persona, Morte da infortunio, Postapersona affetti protetti, Postapersona sempre presente, Danni all’abitazione, Furto, Assistenza all’abitazione, Danni a terzi, Assistenza stradale, Animali domestici;
  • Viaggiare protetti; fanno parte di questa categoria le polizze Viaggi in Italia e Viaggi nel mondo;
  • Protezione finanziamenti; fanno parte di questa categoria le polizze Posteprotezione prestito, Posteprotezione mutuo, Posteprotezione prestito flessibile, Posteprotezione mutuo flessibile, Posteprotezione incendio mutui new, Posteprotezione incendio mutui flessibile, Posteprotezione prestito impresa;
  • Multirischi impresa; fanno parte di questa categoria le polizze Posteprotezione albo più (assicurazione professionale) e Postaprotezione piccola impresa.

Sito web e servizi online

Tramite il sito posteassicura.poste.it è possibile accedere ai servizi online di Poste Assicura. Tra questi ci sono l’archivio, dove è possibile trovare tutti i documenti informativi sulle varie polizze disponibili, il servizio Check-up, che permette di conoscere la protezione di cui si ha bisogno, la pagina Sinistri, che riepiloga tute le istruzioni da seguire ed i numeri da chiamare in caso di sinistro, e la pagina Reclami, che spiega il regolamento ed i contatti per muovere un reclamo. Sempre tramite il sito è possibile accedere all’area assicurativa riservata: qui è possibile consultare in qualsiasi momento la posizione assicurativa.

Contatti e recensioni

Per sottoscrivere un prodotto di Poste Assicura è necessario recarsi presso un ufficio postale: non è quindi possibile attivare una polizza online. Gli uffici postali sono più di 11.000 sull’intero territorio italiano: per trovare quello più vicino si può andare sul sito delle Poste ed utilizzare la funzione Cerca.

Per avere assistenza sui servizi di Poste Assicura è possibile chiamare il numero di telefono 800131811 (chiamata gratuita da telefono fisso), attivo dal lunedì al venerdì tra le otto di mattina e le otto di sera ed il sabato dalle 8:00 alle 14:00. Sul web gli utenti non si sbilanciano molto: le recensioni sui prodotti Posta Assicura sono “neutri”: l’ampiezza delle proposte e la capillarità della rete sul territorio sono gli aspetti ritenuti più positivi.

conservatoria dei registri immobiliari

Nel corso degli anni il sistema immobiliare di un territorio può modificarsi, con nuove costruzioni, passaggi di proprietà, accensione i ipoteche e così via; tutti gli atti e le scritture che fanno riferimento ai beni immobiliari di una determinata area vengono conservati presso la Conservatoria dei registri immobiliari. Vediamo di cosa si tratta, dove si trova e che servizi può offrire al pubblico.

Continua a leggere

La comunicazione informativa e promozionale in un negozio, in un’agenzia o in un ufficio è questione di organizzazione e di strategia marketing. Di frequente una soluzione che trova l’apprezzamento delle imprese e del consumatore è rintracciabile negli espositori da tavolo. I modelli disponibili sono numerosi ma fra tutti spiccano le varianti in plexiglass. Queste opzioni si associano infatti ad ampi benefici che rendono la comunicazione più semplice e immediata.

Continua a leggere

I sacchetti di carta fanno parte della nostra quotidianità. Preferiti ai classici involucri in plastica – più inquinanti e difficilmente riciclabili – sono utilizzati per piccole o grandi esigenze, come fare la spesa, confezionare regali, incartare prodotti alimentari o trasportare oggetti.

A questo proposito, può essere interessante capire come vengono realizzati i sacchetti di carta e quali sono i processi necessari per produrre ogni involucro. Ogni sacchetto nasce infatti dalla carta, la quale, a sua volta, deriva da uno scrupoloso processo di produzione.

Continua a leggere

fondo svalutazione crediti

I crediti che hanno una natura commerciale devono essere esposti in bilancio al loro presunto valore di realizzo; per rispettare questa regola fissata dall’articolo 2426 del Codice Civile, per correggere il valore dei crediti che in contabilità vengono indicati con il loro valore nominale si può ricorrere al fondo svalutazione crediti. I questa pagina verrà spiegato di cosa si tratta, a cosa serve e come si calcola: vederemo anche come si utilizza con un piccolo esempio.

Continua a leggere

rimborso iva trimestrale

Nel corso della sua attività, un contribuente può accumulare un credito Iva: questo credito può essere utilizzato per la compensazione oppure è possibile richiedere il rimborso. Vediamo come si effettua il rimborso Iva trimestrale: come deve essere fatta la domanda, quale modello bisogna utilizzare ed entro quali scadenze deve essere fatta la richiesta.Continua a leggere

Tutti conoscono, volenti o nolenti, la Juventus.

Squadra torinese di serie A pluricampione d’Italia e tra le più forti al mondo, amata e odiata come pochi, questa si è distinta nel suo secolo e più di storia con una crescita e un successo con ben pochi paragoni in Italia e in Europa che non copre solo il campo calcistico, ma anche quello finanziario.

Successo che, non c’è neanche bisogno di dirlo, va annoverato anche all’aiuto dei presidenti storici della società Juventus FC, la famiglia proprietaria anche del gruppo FIAT: gli Agnelli.

Non sorprende quindi il fatto che siano in moltissimi a voler investire nella famosa squadra di stanza a Torino, quotata in borsa ormai da tempo. Ciononostante, non a tutti è chiaro in che modalità farlo o se è effettivamente fattibile a conti fatti.

In questo articolo quindi vi illustreremo una modalità comoda ed efficace di investimento online avvalendoci di piattaforme di trading online autorizzate, tra gli strumenti più in voga oggi per investire in borsa nella maniera più semplice ed economica possibile.

A chi è interessato a qualcosa di più approfondito, invece, è disponibile online anche un’analisi del titolo Juventus  più approfondita.

Cenni storici sulla Juventus

La Juventus è una squadra dalle antiche origini: essendo nata nell’autunno del 1897, essa ha superato anche la soglia dei cento anni.

Nata spontaneamente al tramontare dell’800 su iniziativa di un gruppo di studenti del liceo classico Massimo d’Azeglio di Torino, questa partecipò per la prima volta al campionato italiano nel 1900. Da lì a poco, nel 1905, i bianconeri conquisteranno il loro primo titolo italiano: questo il primo di una serie di scudetti che da quella data ad oggi, nel 2020, hanno raggiunto quota 36.

Il momento della svolta sul versante finanziario arriva però con il sodalizio avvenuto tra la squadra torinese e la famiglia Agnelli avvenuta nel 1923, con l’entrata in scena dell’imprenditore Edoardo Agnelli. Con l’elezione di quest’ultimo alla presidenza della società si diede inizio a un legame indissolubile tra una delle più importanti famiglie borghesi di proprietari industriali e la squadra.

Questo legame che continua senza soluzione di discontinuità da quasi 100 anni, unicum nel panorama sportivo mondiale, è anche una garanzia per quanto riguarda non solo la squadra, ma anche il titolo finanziario ad esso connesso.

In aggiunta a ciò, il suo continuare a vincere nel panorama del campionato italiano, e i suoi acquisti strategici in materia di giocatori pluripremiati e con un seguito senza paragoni come per quanto riguarda l’acquisto di Cristiano Ronaldo, hanno fatto crescere sempre più il potere monetario della  Vecchia Signora, potere che ha portato la società a un fatturato che si aggira intorno al mezzo miliardo di euro.

Come investire sul titolo Juventus grazie al trading online

Oggi quindi sono in molti che vogliono sfruttare le occasioni che ci riservano i broker online con le loro piattaforme di trading online. Fra queste possibilità c’è anche quella di poter investire sul titolo finanziario Juventus quotato in borsa.

Ciò sarà ottenibile facilmente soprattutto se opteremo nell’utilizzare i CFD, conosciuti in Italia anche col nome di: “Contratti per differenza”. Questi infatti sono prodotti finanziari derivati i quali ci permetteranno di investire senza spendere enormi capitali d’entrata (a differenza degli investimenti diretti) tramite le piattaforme di trading online.

Inoltre, i CFD hanno anche la peculiarità di poter scegliere di investire su un’eventuale caduta del titolo finanziario da noi prescelto. Ciò li hanno resi, ad oggi, lo strumento decisamente più in voga tra i trader presenti sulle varie piattaforme di trading online autorizzate.

Ci teniamo però a sottolineare che per potere investire in maniera sicura, avrete bisogno di selezionare un broker online affidabile. Per capire se state avendo a che fare con un broker online affidabile o meno, vi basterà fare un controllo veloce riguardo le sue licenze e autorizzazioni. Su tutte, in Italia spiccano le autorizzazioni CONSOB e CySEC.

Se il broker online dimostrerà di possederle, vorrà dire che stiamo effettuando operazioni di trading su una piattaforma onesta.